Logo
  Articoli     
             
 
Visitatori
Visitatori Correnti : 17
Membri : 0

Per visualizzare la lista degli utenti collegati alla community, devi essere un utente registrato.
Iscriviti
Iscritti
 Utenti: 1124
Ultimo iscritto : parolanulla
Lista iscritti
 
 Messaggi privati: 14
 
 Immagini: 124
 Immagini viste: 340596
 
 Materiale: 10
 Totale scarichi: 1723
 
 Articoli: 3
 Pagine: 81
 Pagine lette: 163831
 
 Notizie: 46
 
 Preferiti: 214841
 Siti visitati: 275208
 
 Post sui forum: 85
 
 Eventi: 21
 
Poeti Premiati - XI Edizione 2005
Inserito il 10 febbraio 2006 alle 14:50:14 da administrator.

2 Premio - Sez. Poesia in Vernacolo

E STANNU CCITTU LI STRATI

Dialetto calabrese di area grecanica
Estannu ccittu li strati
e li vinedhi friddusi si stringinu
umbrusi a vsparu pe sumportari
li notti nghielati chi cc crscinu promentini
e fininu posterari. Senza prescia.
Li letti su jazzi fuscati
cu li nipia cu postu assignatu
testa-pedi (finna ajjeri),
nu tpidu stari
a sardi salati, a cugnetto,
pe parlari a li notti assai longhi
comu avanti o vrasceri.
La cotraranza giru lu spuntuni
ma la strata petrara amara
e lu passu scafuna e ti ngrava la schina
chi si ncirca pregandu nu Du
chi ti pari luntanu.
E ti rahi stu mbastu di peni
pensandu a li hiuri
di na primavera duci
ancora luntana
ch pe tta caristusa
mentri cu datru largha.
Leternu mbrogghiu chi affendi
li stidhi e lu celu chi ciangi
pe nu liri chi perdi i culuri.
E stannu ccittu li strati.
___________________________________
E STANNO IN SILENZIO LE STRADE
Dialetto calabrese di area grecanica
E stanno silenziose le strade
e i vicoli infreddoliti si stringono
ombrosi al vespro per sopportare meglio
le notti gelate che qui crescono precoci
e finiscono tardi. Senza fretta.
I letti sono giacigli di foglie
con i bimbi col posto assegnato
testa-piedi (fino a ieri)
un tiepido stare
a sarde salate, ammassati,
per parlare alle notti assai lunghe
come davanti al braciere.
Linfanzia ha girato langolo
ma la strada pietraia amara
e il passo frana e ti grava la schiena
che si incurva pregando un Dio
che ti sembra lontano.
E ti trascini in carico di pene
pensando ai fiori
di una dolce primavera
ancora lontana
che per te taccagna
mentre con altri largheggia.
Leterno equivoco che offende
le stelle e il cielo che piange
per un iride che perde i colori.
E stanno in silenzio le strade.
Gregorio Vigliarolo - Cosenza -
(Sez. Poesia in Vernacolo)
2 Premio

 
<< 1 Premio - Sez. Poesia in Vernacolo 3 Premio - Sez. Poesia in Vernacolo >>
 
Log in
Login
Password
Memorizza i tuoi dati:
Versioni
Eventi
<
Giugno
>
L M M G V S D
-- -- -- -- -- 01 02
03 04 05 06 07 08 09
10 11 12 13 14 15 16
17 18 19 20 21 22 23
24 25 26 27 28 29 30
-- -- -- -- -- -- --

I nostri preferiti
 
 Centro Permanente per la diffusione della Cultura 
Contattami
Realizzato con ASP-Nuke 2.0.4 derivato da ASP-Nuke v1.2
Questa pagina stata eseguita in 16,58594secondi.
Versione stampabile Versione stampabile